2019-10-28-Urna-Volpi-Evento

Vespri Solenni ed Urna Volpi – 27.10.2019

L’urna Volpi o arca Volpi viene così denominata a memoria del suo offerente, il vescovo di Como Giovanni Antonio Volpi (1559-1588), che la donò alla cattedrale nel 1586.

L’opera è in lamina d’argento sbalzata e cesellata. Raffigura scene legate alla vita della Beata Vergine: Nascita di Maria, Presentazione di Maria al tempio, Annunciazione, Visitazione, Sposalizio della Vergine, Assunzione.

Al suo interno racchiude reliquiari medievali che contengono numerose reliquie legate alla Passione di Cristo, alla Madonna e a Santi.

Fino al XX secolo l’urna veniva portata in processione per le vie della

città di Como ed esposta in cattedrale principalmente durante le rogazioni

(25 aprile, festa di san Marco; tre giorni precedenti I’Ascensione) e in

occasione di necessità (in «tempi di grande siccità o pioggie straordinarie»).

AI XIX secolo risale l’attuale struttura di sostegno dell’urna «bara» viene

definita in un inventario del 1880 con «due serafini, che la coprono delle

loro ali di Iegno di noce fmamente lavorata». Si richiamava cosi

l’iconografia dell’arca dell’alleanza, l’oggetto più sacro del popolo

d’Israele, segno della presenza e della protezione di Dio, portata nelle peregrinazioni attraverso il deserto e nei combattimenti (Libro dell’Esodo).

Guarda il video sul nostro canale Youtube https://youtu.be/WK4TCWalFHE