LA CATTEDRALE SUL LAGO

Orario Messe

Festivi

17.00 Sabato e Vigilie

8.00 - 10.00 - 12.00
17.00 -  19.00
20.30 (San Giacomo | Lug.-Set.)

Feriali

8.00 - 9.00
10.00 (San Giacomo | Giu.-Ott.)
18.30

Calendario

Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab
1
2
3
4
5
15
16
17
21
22
23
24
25
27
29
30
31

Nella prima settimana di maggio, mese dedicato a Maria, nella Cattedrale che a Lei è intitolata è stato ricollocato un arazzo a lungo rimasto arrotolato nel magazzino sopra la Sacrestia dei Mansionari: vi è raffigurata la Natività di Maria secondo uno schema compositivo derivato dalla tela dipinta da Pier Francesco Mazzucchelli detto il Morazzone per la Cappella della Cintura in S. Agostino in Como nel 1611-12.

Lo si può ammirare appeso alla parete confinante con il Broletto, al di sopra dell’altare della Madonna delle Grazie. È il più grande di tutti gli arazzi, è l’ultimo realizzato (1633/1636, gli altri sono tutti cinquecenteschi) ed è l’unico più alto che largo (cm 468 x 426) e pure l’unico modellato su progetto di un artista comasco. Tessuto a Firenze dall’arazziere Scipioni Ammirati in lana e seta con un ordito di 5,5 fili per centimetro, privo di marche, il modello sul quale lavorò l’arazziere fu predisposto per lire 69 dal pittore comasco Giovan Battista Recchi (1595 ca.- 30 settembre 1645), l’artista che nel 1625 aveva già lavorato in Duomo, dove si era occupato dell’organo, presumibilmente delle perdute ante, con Cristoforo Caresana. Entrambi questi pittori erano allievi del Morazzone. L’arazzo, giunto a Como entro il 1636, costò lire 1461 alla Compagnia del Santissimo Sacramento.

«Conciliare culto e cultura». Con questa sottolineatura don Saverio Xeres ci ha illustrato le iniziative, le proposte e i progetti che il Capitolo della Cattedrale di Como, in stretta collaborazione con la “Commissione Cultura” dello stesso Duomo, hanno elaborato per armonizzare le esigenze dei fedeli (specie in questo Anno Santo, durante il quale la Cattedrale, con la Porta della Misericordia, è indicata come chiesa giubilare diocesana), le richieste di chi, da turista, desidera ammirare i suoi capolavori d’arte, ma anche le aspettative di tutti coloro che, da osservatori curiosi e intelligenti, vogliono conoscere la storia locale che è pure storia della Chiesa.

Le antiche campane della nostra Cattedrale, dopo quasi tre anni di forzato silenzio, dallo scorso autunno sono tornate a diffondere sulla città e sul lago i loro rintocchi melodiosi e solenni. La “voce” della chiesa madre della Diocesi scandisce nuovamente lo scorrere del tempo, richiama ai quotidiani momenti di preghiera e segnala le grandi ricorrenze dell’anno liturgico e della vita della Chiesa che è in Como. Il suono dei sacri bronzi è dunque – e lo è sempre stato – un vero linguaggio in codice: ogni zona italiana ne ha sviluppato uno proprio, ma si può dire che ogni parrocchia e ogni chiesa ha un suo “alfabeto campanario”. Così è anche per la Torre del Broletto, che è insieme campanile della Cattedrale e Torre Civica.

Contatti

Chiesa Cattedrale di Como

Via Maestri Comacini, 6
22100 Como CO

Tel. (+39) 031.3312275
info@cattedraledicomo.it

Orario di apertura

Domenica e Festivi

07.30 - 20.00

Lunedì - Sabato

07.30 - 19.30

Diocesi di Como

Usiamo i cookie - anche di terze parti - per consentirti un migliore utilizzo del nostro sito web. Se vuoi saperne di più o negare il consenso leggi l'informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.