CAMMINO QUARESIMALE 2021

“RADUNATE IL POPOLO, INDITE UN’ASSEMBLEA SOLENNE (Gl. 2,16)

Il cammino quaresimale si apre con questo preciso invito del Profeta Giole. Ai sacerdoti , ministri del Signore,  è affidato un compito faticoso ma necessario perché il popolo di Dio possa insieme tornare al suo Signore.

Oggi come allora il popolo santo ha bisogno tornare a  riunirsi convocato dallo Spirito Santo in assemblea “nell’ascolto della parola e nella comunione dell’unico pane spezzato, per far memoria del Signore risorto “

La fede in Lui chiede questa testimonianza settimanale e annuale e ci impegna ad annunciare la sua morte proclamando la sua risurrezione nell’attesa della sua venuta.

Per essere degni di partecipare ai santi misteri dovremo anche riprendere il cammino penitenziale con la confessione dei peccati come ci ricorda il vescovo nel messaggio per la Quaresima:

Il cammino quaresimale include per noi cristiani, soprattutto, l’impegno (e non solo il proposito!) di iniettare uno “speciale vaccino”, quello del cuore, che ci chiama a riconciliarci con Dio, innanzitutto mediante la celebrazione del sacramento della Penitenza, che in questo periodo è stato trascurato! I nostri sacerdoti saranno a disposizione per questo prezioso ministero, come uno dei loro impegni prioritari, soprattutto promuovendo un incontro personale, di cui tante persone sono prive da molto tempo.

Nello stesso tempo, “siamo invitati a prenderci responsabilmente cura degli altri, soprattutto di quanti la società considera come un peso, superando quel clima di generale indifferenza che ci distoglie dal riconoscerci tutti “sulla stessa barca”. Senza dimenticarci che “ Un altro modo per sentirci in comunione di intenti tra noi, tra gli sconvolgimenti e le incertezze che sperimentiamo, è quello di trasmetterci reciprocamente quelle belle “iniziative di carità” che, come singoli e come parrocchie, stiamo realizzando, illustrate da molteplici esempi concreti.”

Tutto questo anche a sostegno delle nostre Missioni diocesane,come è tradizione nella nostra Diocesi, la Quaresima è una stagione liturgica in cui sottolineare con maggiore evidenza e incisività la vita della nostra attuale Missione in Perù e prossimamente in Mozambico. Potremo così aiutare i nostri missionari che operano nella diocesi di Carabayllo”.

Ci siano di incoraggiamento  per noi, per i nostri catecumeni e per tutte le comunità cristiane le Parole di Paolo all’inizio di questo cammino verso la Pasqua  Ecco ora il momento favorevole, ecco ora il giorno della salvezza!”

Condividi questo post